Arte e meraviglia:
i fuochi di Firenze
Arte e tradizione:
l’incoronazione del marzocco
Firenze e la sua storia:
il Corteo degli omaggi

Eventi

I Fochi di San Giovanni

I Fochi di San Giovanni

I “Fochi”, lo spettacolo pirotecnico con cui Firenze festeggia il suo Patrono, si tiene fin dal XII secolo, organizzato anticamente dall’Arte di Calimala. Dal 1796 è la Società di San Giovanni Battista Odv a organizzare per la Città di Firenze “Fochi” ogni anno più...

Approfondisci

700 Dino Compagni

700 Dino Compagni

Firenze tra '200 e '300   Saluti istituzionali Alessia Bettini - Vicesindaca e Assessora alla Cultura Comune di Firenze  Mirco Rufilli - Ideatore del Festival "La settimana del Fiorentino" Claudio Bini - Presidente della Società di San Giovanni Battista...

Approfondisci

Seguici sui social

Facebook

20 hours ago

San Giovanni Firenze
Noi della Società di San Giovanni Battista abbiamo una passione che ci portiamo dentro: quella di creare lo spettacolo più bello di Firenze, con i Fochi. 🎆🔍 Per farli, ogni anno, contiamo su grandi sostenitori come la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, che ci aiuta a farli sempre meglio. Ma possiamo crescere ancora, con il vostro sostegno! 🤲Ph. Mauro Sani ... Vedi di piùVedi meno
View on Facebook

La società

La storia

La Società di San Giovanni Battista venne costituita con “rescritto” del 29 gennaio 1796 dal Granduca Ferdinando III di Toscana. Il giovane sovrano voleva collegare la sua figura alla più antica tradizione fiorentina ed il culto del Battista fu sempre presente in lui nelle forme più sentite.

Sostienici

La Società di San Giovanni Battista Odv ha lo scopo di promuovere e incoraggiare la conservazione e lo sviluppo del patrimonio culturale e artistico della Città di Firenze. Vuoi supportare cultura e tradizione della città di Firenze? Puoi farlo destinando alla San Giovanni il tuo 5×1000.

I Fochi di San Giovanni

Dal 1796 è la Società di San Giovanni Battista Odv a organizzare per la Città di Firenze “Fochi” ogni anno più spettacolari e sempre più ammirati da tutti coloro che, la sera del 24 giugno si riversano sulle rive dell’Arno o affollano le terrazze per farsi inondare di tanta luce ben augurante.