I Fochi di San Giovanni a Firenze

I Fochi

I “Fochi”, lo spettacolo pirotecnico con cui Firenze festeggia il suo Patrono, si tiene fin dal XII secolo, organizzato anticamente dall’Arte dei Calimala.

Dal 1796 è la Società di San Giovanni Battista Onlus a organizzare per la Città di Firenze “Fochi” ogni anno più spettacolari e sempre più ammirati da tutti coloro che, la sera del 24 giugno si riversano sulle rive dell’Arno o affollano le terrazze per farsi inondare di tanta luce ben augurante.

Una tradizione antica e irrinunciabile, ma dai costi elevati…
Un onere un tempo coperto dalle grandi famiglie fiorentine e successivamente da donazioni estremamente generose delle banche del territorio.
Oggi la situazione è cambiata e nessuno, da solo, può sostenere la spesa, ma abbiamo visto che insieme possiamo farcela.

Vuoi sostenere i Fochi ma non sai come fare? Ecco come!

Sostienici! Diventa protagonista del nostro progetto e aiutaci a mantenere la tradizione dei “Fochi” di Firenze.
Ogni anno

  • Vuoi assistere ai Fochi da una posizione privilegiata con posto a sedere sul Lungarno della Zecca Vecchia?
    Ogni anno la Società di San Giovanni Battista offre ai propri Soci e a chi sostiene la tradizione dei Fochi un posto nell’area riservata sul Lungarno della Zecca Vecchia.
    Iscriviti alla nostra newsletter per non perderti le indicazioni per l’anno prossimo!
  • Hai veramente a cuore i Fochi e vuoi farci una donazione liberale?:
    Bollettini o un bonifici postali

    Intestati a: Società di San Giovanni Battista Onlus
    Conto Corrente Postale N° 13309505
    IBAN: IT 12 D 07601 02800 000013309505
    Causale: Fochi

    Bonifici bancari

    Intestato a: Società San Giovanni Battista Onlus
    Banca CR Firenze S.p.a. IBAN: IT 21 Q 0616002800 000084549C00
    Causale: Fochi

  • Sei un imprenditore? Hai un’azienda? Hai la possibilità e la voglia di sostenere in modo importante questa importante tradizione della tua Città?
    Contattaci subito! tel. 055 294174 o scrivi a info@sangiovannifirenze.itSFOGLIA LE GALLERY
    FOCHI 2017
    FOCHI 2018

104547149-ea92a1b7-eafc-4458-9607-46cb9ab1c47f

 

UN PO’ DI STORIA

San Giovanni Battista è diventato patrono della città di Firenze in epoca cristiana, soppiantando il precedente protettore, il dio Marte, la cui statua ha ornato l’accesso al Ponte Vecchio fino al 1313 quando fu trascinata via da una piena e mai più ritrovata.
Di quell’antico retaggio pagano, Firenze ha conservato la tradizione dei fochi che festeggiavano il solstizio d’estate. Dal tramonto del 24, infatti, la città era invasa dai “Fochi d’allegrezza”.

I principali era accesi bruciando fascine di scope in piazza Signoria, sulla Loggia dell’Orcagna, mentre sugli spalti di Palazzo Vecchio e tutto intorno alla piazza erano accesi grandi bacili ripieni di sego che alimentavano un grosso stoppino. Ma tutta la città era illuminata dai fochi e ancor più nelle campagne d’intorno che erano punteggiate ovunque di grandi falò attorno ai quali si festeggiava fino all’alba.

Nel secolo XIV, l’introduzione della polvere da sparo trovò Firenze all’avanguardia nell’utilizzo pacifico di questa risorsa in feste di gioia e letizia, ma condannò all’estinzione in città la tradizione dei falò, che invece proseguì nel contado fin quasi ai giorni nostri.

La costruzione della “Girandola” principale divenne quasi un’arte, un’opera di ingegneria nella quale si cimentarono diversi artisti. Tra gli altri si distinse Niccolò di Raffaello del Riccio, detto il Tribolo, eccellente legnaiolo, scultore e architetto che nacque a Firenze nel 1500.

Con i Medici i fuochi artificiali ebbero un grande sviluppo, in particolare con Cosimo I che fece fare alcune belle macchine in varie forme sostenute in aria con molto artifizio e piene di fuochi lavorati che comunemente si dicono girandole.

Pare che queste girandole fossero costruite sotto la guida dell’architetto Bernardo Buontalenti che fece vedere in Firenze i più meravigliosi fuochi lavorati che mai si fossero veduti e fra questi le artifiziose girandole e per questo motivo fu da allora in poi soprannominato “Bernardo delle Girandole”.

Da sempre, la Società di San Giovanni si occupa di organizzare e finanziare i fuochi d’artificio che attualmente vengono fatti esplodere dal Piazzale Michelangelo.
___________________________

Col patrocinio di