Videorivista n.1!

Comincia qui un interessante percorso attraverso le Tradizioni e la Storia di Firenze.
Nel n. 1 della nostra Videorivista il prof. Cipriani ci introduce all’alimentazione Medievale a Firenze.

“L’alimentazione nel Medioevo era molto diversa da quella di oggi. Prima di tutto esistevano forti differenze sociali: una persona ricca aveva una dieta essenzialmente con carni… 
non si mangiavano infatti abitualmente verdure. Le verdure erano per poveri. I poveri avevano una dieta infatti quasi essenzialmente legata a vegetali” […]

[…] “Ma quali carni si mangiavano? I buoi venivano usati per il lavoro. Le vacche per il latte la riproduzione. Quindi: quando per gli animali venivano macellati? Soltanto quando erano molto
vecchi ed erano improduttivi. Si trattava di una carne essenzialmente dura. Da qui l’uso di particolari metodi di cottura… non a caso lo “stracotto” è uno dei
piatti tipici della tradizione popolare” […]

Parlando di “stracotto” abbiamo deciso di ricordarne una ricetta… che non sarà quella medievale ma certamente è gustosa:

Stracotto alla fiorentina

Ingredienti per 6 persone

  • Scannello o melino di vitellone giovane: kg. 1,200
  • Pomodori maturi o “pelati”: gr. 400
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • 1 cipolla
  • 2 gambi di sedano
  • 3 carote medie
  • 2 spicchi d’aglio
  •    Olio d’oliva
  •    Sale e pepe

Steccare la carne con sale, pepe e aglio, legarla bene con uno spago da cucina e lasciarla riposare per qualche ora.

Mettere in una casseruola un bicchiere d’olio e la cipolla, il sedano e le carote tagliate a fettine sottili.

Unire la carne e farla rosolare bene da tutte le parti a fuoco vivo.  Girare costantemente e, dopo circa mezz’ora, bagnare con il vino rosso. Quando sarà evaporato completamente, aggiungere i pomodori.

Coprire la casseruola e far cuocere a fuoco lentissimo per circa 2 ore e mezzo, rigirando spesso la carne e aggiungendo un po’ d’acqua via via che occorre.

Quando la carne è “stracotta” toglierla dal tegame e tenetela in caldo.

Con un cucchiaio, inclinando il recipiente, scolare tutto l’olio che potete, quindi passate il sugo al setaccio. Dopo alcuni minuti mettere sul fuoco a scaldare, slegare la carne e tagliare a fettine molto sottili disporre su un vassoio e versare sopra il sugo caldo. Servire con patate lesse oppure o fagioli all’uccelletto.

Buon appetito!

 

NOTA: per questo video è possibile attivare i sottotitoli in italiano.